Cosa è il viaggio esperienziale?

0
141
Il viaggio esperienziale

Cosa sta cambiando? Quali sono i trend del futuro viaggiatore? Perchè viaggio esperienziale?

Negli ultimi due decenni, le tendenze di viaggio sono state rivoluzionate dalle priorità in evoluzione dei vacanzieri. Un numero crescente di turisti sceglie di dire addio alle visite turistiche “tradizionali”, che spesso assumono la forma di giorni trascorsi a salire e scendere dagli autobus per posare per fotografie di fronte a monumenti iconici. 

L’idea di “viaggio esperienziale” ha preso d’assalto il mondo e sta alimentando la nostra voglia di viaggiare come mai prima d’ora. Il viaggio esperienziale implica immergersi (l’immersione) nell’essenza di una destinazione di viaggio invece di viverla superficialmente. 

Piuttosto che distribuire una vacanza in modo sottile su tutti gli aspetti desiderabili di una città o di un paese, i vacanzieri scelgono di impegnarsi profondamente con un aspetto specifico del luogo e del territorio. 

Ad esempio, invece di assaggiare la cucina locale in un ristorante, i viaggiatori esperienziali cercano le radici culinarie dei piatti tradizionali, sperando di comprendere lo stile di vita dei locali e la loro cultura.

Perché l’ondata di persone è in cerca di esperienza?  

Nel giugno 2019, Airbnb ha introdotto “Airbnb Adventures ”, in cui i viaggiatori possono abbandonare i sentieri turistici e approfondire avventure selvaggiamente uniche in tutto il mondo. 

All’inizio di quest’anno, la società ha annunciato che nel 2019 le prenotazioni degli ospiti della Generazione Z (clienti di 24 anni o sotto) per “Esperienze” in Thailandia è aumentato del 228% su base annua, segno evidente che il segmento più giovane dei viaggiatori è sempre più interessato ai viaggi esperienziali

Come con la maggior parte dei cambiamenti nelle culture e nelle tendenze relative alla Generazione Z e ai millennial, la crescente preferenza per le esperienze rispetto ai souvenir può, in larga misura, essere attribuita alla crescente influenza dei social media.

Un sondaggio condotto da Schofields, un fornitore di assicurazioni sulla casa per affitti vacanze con sede nel Regno Unito, ha rivelato che il 40,1% dei millennial considera l’”instagrammabilità” di un luogo come la massima priorità nella scelta di una destinazione di viaggio.

Oggi, le persone desiderano pubblicare storie intriganti che le distinguano dal resto della comunità dei social media.  Molti pensano al viaggio come a un mezzo per acquisire nuove conoscenze o consentire loro di ricalibrarsi e acquisire una nuova prospettiva sulla vita. Il viaggio esperienziale è più un impegno rispetto al viaggio convenzionale, ma è anche considerato più appagante, lasciando un impatto duraturo sul viaggiatore.

Le increspature create dal viaggio esperienziale  

Nella speranza di creare questo impatto duraturo, il ruolo delle agenzie di viaggio e dei tour operator è stato amplificato. I viaggiatori ora sono ansiosi di sondare l’invisibile e l’inaudito, quindi gli operatori devono lavorare due volte più duramente per presentare nuove idee alle persone in un modo che faccia appello al loro spirito avventuroso. 

L’idea stessa di viaggio esperienziale implica l’impulsività e il fare un atto di fede. Di conseguenza, i tour operator hanno notato che i vacanzieri scelgono di prenotare molto più vicino alla data del viaggio rispetto agli anni precedenti.

Gavin Tollman, CEO del tour operator Trafalgar, afferma che il periodo medio di prenotazione della società è sceso da 120 a 150 giorni, a 60 a 90 giorni. I tour operator ora devono essere più flessibili nella loro pianificazione, dando anche ai clienti la possibilità di vagare oltre l’ampiezza del tour pre-programmato.

Oltre a beneficiare i professionisti del settore turistico, il viaggio esperienziale ha incoraggiato molti tour operator a collaborare con la gente del posto.

Il braccio “Esperienze” di Airbnb, dove i viaggiatori possono impegnarsi in attività che vanno dall’esplorazione delle antiche rovine della Giordania, alla scoperta dei segreti della foresta pluviale amazzonica, coinvolge ampiamente gli host locali, che gestiscono tutte le parti essenziali del viaggio. 

Allo stesso modo, Asilia, una società che gestisce safari e altre attività in Tanzania e Kenya, ha un pacchetto chiamato “Asilia Adventures”, dove i visitatori possono scegliere tra una miriade di possibilità, tra cui l’interazione con i membri della tribù e il trekking attraverso le pianure africane.

I vantaggi di tali progetti sono vantaggiosi per tutti: la gente del posto viene avviata nell’industria del turismo su scala più ampia, portando a un reddito più elevato, ei viaggiatori possono godersi le esperienze che hanno cercato in un modo più autentico.

Per garantire un’esperienza coinvolgente, i vacanzieri si sono gradualmente allontanati dai siti web dell’organizzazione di marketing di destinazione (DMO), come [www.nycgo.com] o [www.thisiscleveland.com], verso piattaforme di contenuti generati dagli utenti, dove possono trovare recensioni di persone che sono già state lì e l’hanno fatto. 

Collette, una compagnia di tour operator, sta sempre più favorendo i contenuti generati dagli utenti per commercializzare in modo autentico i loro prodotti e destinazioni.

Gli operatori ora tentano di dare ai loro clienti uno scorcio della realtà non filtrata della loro destinazione da sogno, nella speranza di aggiungere alla sua originalità e fascino.

Il rovescio della medaglia delle nuove tendenze di viaggio  

Nonostante l’apparente idealità del viaggio esperienziale, questa tendenza ha un lato oscuro che viene spesso ignorato. Alcuni ritengono già sbagliato visitare un luogo nella speranza di immergersi completamente in un aspetto particolare di esso in pochi giorni o settimane.

Tuttavia, i tour operator continuano a capitalizzare questa tendenza e spesso aumentano i prezzi, offrendo ai clienti esperienze “uniche” che potrebbero effettivamente trovare da soli oa un prezzo molto inferiore.

 Il viaggio esperienziale comporta costi finanziari per il viaggiatore, ma in alcuni casi ha anche un costo culturale.

Secondo Cultural Survival, un’organizzazione che lavora per proteggere i diritti delle popolazioni indigene, un resort senegalese che offre ai turisti l’esperienza di “pescare con gente del posto” ha bandito i pescatori dal tratto di costa in cui si trova il resort, togliendogli di fatto i mezzi di sussistenza.

C’è una certa artificiosità associata a queste esperienze: nella migliore delle ipotesi può essere considerata una truffa di marketing; nel peggiore dei casi, lascia un impatto negativo duraturo sui mezzi di sussistenza e sulla cultura della popolazione locale.  

Oltre a creare una falsa realtà in alcune destinazioni, il viaggio esperienziale contribuisce anche all’erosione degli ecosistemi ambientali.

Le Maldive, una popolare destinazione insulare, corrono un rischio crescente di essere sommerse a causa del rapido aumento del livello del mare. È famoso per le immersioni subacquee e altre scappatelle subacquee, ma sta perdendo il suo fascino incontaminato a causa dell’aumento delle attività turistiche.

Una situazione simile può essere osservata nel continente estremamente fragile dell’Antartide, che sta progressivamente crescendo in popolarità come destinazione turistica per viaggiatori particolarmente avventurosi.

La strada davanti  

Guardando al futuro, coloro che operano nel settore dei viaggi dovranno rinnovare il modo in cui si rivolgono ai turisti. La loro creatività sarà messa alla prova, poiché devono offrire le esperienze davvero straordinarie che i viaggiatori immaginano. 

Oltre a offrire esperienze più immersive, gli operatori devono anche considerare l’aumento della domanda di ecoturismo. È sempre più urgente che i tour operator trovino un punto di convergenza tra sostenibilità e tempo libero.

Molte aziende stanno sviluppando modi per raggiungere questo obiettivo, ad esempio Undiscovered Mountains si concentra su vacanze in montagna orientate all’avventura e all’attività, cercando di ridurre al minimo la propria impronta di carbonio. Fa parte di un programma di compensazione del carbonio con Mossy Earth, una società a responsabilità limitata con sede nel Regno Unito.

Sebbene le implicazioni del viaggio esperienziale nel settore dei viaggi siano ancora in evoluzione, una cosa è certa: porterà gradualmente a una maggiore accettazione interculturale e alla comprensione globale.

Come disse una volta il famoso documentarista di viaggio Anthony Bourdain:

“Se sono un sostenitore di qualcosa, è per trasferirmi. Per quanto puoi, per quanto puoi. […] La misura in cui puoi camminare nei panni di qualcun altro o almeno mangiare il suo cibo, è un vantaggio per tutti “.

SHARE
Previous articleNatale 2020